Image for post
Image for post
Noé Bordignon, La mosca cieca, 1879

Comunque vada, a settembre la scuola riapre.

La scorsa settimana abbiamo pubblicato con Riccardo Magi e Rossella Muroni una nota per spiegare come vediamo l’uscita dalla crisi.

In tutto questo, l’istruzione gioca evidentemente un ruolo chiave. Anzi, il prossimo governo dovrebbe a mio avviso ripartire da una vera e propria “agenda per le prossime generazioni”.

Ma so che questo sarà dirimente per me, quando dovremo decidere come comportarci al momento di votare la fiducia al prossimo esecutivo (sempre che non si vada al voto).

Prima di accennare a quali sono… dove eravamo rimasti? Due punti che riguardano il “sospeso”, vale a dire le ultime azioni (e omissioni) del Ministro Marco Bussetti:

1. LA SANATORIA PER 24 MILA DOCENTI.

Continuiamo a vigilare: per me è un punto fondamentale, di massima allerta.

2. Sull’INTERNALIZZAZIONE DEI SERVIZI DI PULIZIA, tutto tace.

Reggetevi forte: il ministro Bussetti ha scritto al presidente Conte per chiedere di… aprire un tavolo a P.Chigi!

Veniamo adesso a quello che si può far partire i prossimi mesi in Parlamento, sempre che non venga sciolto anzitempo (non riprendo quello che abbiamo solamente avviato, come il lavoro sull’innovazione didattica).

Prendete i 5 punti che seguono come dei “segnaposto”, su cui ho intenzione di tornare e di elaborare meglio più avanti:

INFANZIA

SCOLARIZZAZIONE

DOCENTI

MOBILITÀ

ORIENTAMENTO

Written by

Deputato, membro Commissione VII (Cultura, Scienza, e Istruzione) e Intergruppo parlamentare su IA. Co-fondatore di Movimenta. Il resto qui: www.fusacchia.it

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store